GEMME DEL TIRRENO

LA LEGGENDA NARRA CHE...

Le gemme del Tirreno comparvero, secondo Esiodo, dalle acque del mare quando Afrodite, la dea greca della bellezza e dell’amore venne al mondo.

Ella sarebbe dunque nata in primavera dalla spuma (dal greco afros) del mare, emergendone nuda e già donna. Appena affiorata dalle onde sopra una conchiglia di Madreperla, Zefiro l’aveva spinta sulla riva della spiaggia di Paphos dell’isola di Cipro per questo anche chiamata Anadyomene, ossia, colei che emerse dal mare.

Per la fretta di raggiungere la riva dove l’attendeva Eros, ella cercò di allacciarsi con le mani intorpidite dal troppo sonno la collana che Paride le aveva donato, il filo si ruppe e 7 delle perle che la componevano scivolarono nel Mar Tirreno, proprio innanzi le coste toscane, ma anziché sprofondare negli abissi, si fermarono sulla superficie tra Italia e Corsica, incastonandosi nel blu dell’alto Tirreno a cui fanno contorno numerose isole minori.

Elba, Giglio, Capraia, Montecristo, Pianosa, Giannutri e Gorgona formano insieme ad esse uno straordinario mosaico di splendidi paradisi naturali, un arcipelago atipico perché ogni isola è un microcosmo a sé stante con il suo carattere, la sua morfologia e la sua storia.

Il Parco nazionale dell’arcipelago toscano è il più grande parco marino d’Europa, ed è istituito per proteggere, valorizzare e tutelare le bellezze del territorio. Abbraccia tutte le isole ed alcune aree marine che le circondano, ha una superficie totale di 17.694 e di terra e 61.474 ettari di mare. Ogni isola che ne fa parte mantiene una fisionomia propria e possiede una meravigliosa varietà di ambienti naturali di vegetazione intatta e profumata, monumenti, storia ed arte.

VIVI UN'ESPERIENZA INDIMENTICABILE

LE 7 GEMME DEL TIRRENO

Noleggio gommoni

ISOLA D'ELBA

Una tra le gemme più visitate è L'Elba. Questa isola è la più ampia dell'arcipelago Toscano: le sue dimensioni la fanno essere addirittura terza fra le isole italiane per estensione. L'Elba rappresenta un autentico parco mineralogico, con oltre 150 varietà di cristalli presenti, molti dei quali sono esposti nei musei di scienze naturali di moltissime città. Da non trascurare, inoltre, il fatto che è nota da sempre per i giacimenti di minerali di ferro e per la varietà di rocce. L'Elba presenta una classica forma a triangolo dominata per altezza dagli oltre 1000m del Monte Capanne. L'isola è ricca di golfi e insenature, sentieri percorribili a piedi per vivere al meglio le sue bellezze, lunghe spiagge di sabbia finissima, ghiaie bianche e alte coste a strapiombo cinte da estese porzioni di macchia mediterranea e vegetazione florida. Una delle attrazioni particolari che caratterizza quest'isola è il santuario delle farfalle sul Monte Perone, sulla strada tra Sant'Ilario e San Piero in campo, dove sono contenute più di 50 specie di farfalle, tra cui alcune molto rare. Altresì importante è la varietà di paesaggi marini caratterizzati dalla grande divergenza biologica dovuta alla diversità delle coste e dei fondali, spiagge piatte e sabbiose, Falesie Rocciose, secche, fondali tormentati, anfratti e grotte. In questi ambienti vive un'incredibile molteplicità di specie animali e vegetali. Possiamo trovare in ambienti molto rari la presenza del corallo rosso oppure l'alga corallina dalle tonalità brune rosate, pomodori di mare, Attinie. Nella fascia sommersa vivono anche ricci, stelle marine e polpi. Il fondale è coperto da un detrito originato dall’erosione. In queste condizioni di luce si sviluppano grandi praterie di posidonia nelle quali vivono salpe, boghe ma anche il sempre più raro cavalluccio marino. Oltretutto l'Elba ci racconta anche storie del passato: testimonianze lasciate dal castello medievale del Volterraio e la Palazzina dei Mulini, storica residenza di Napoleone, nel suo primo esilio, la quale ha ancora all'interno cimeli dell'epoca. In sostanza, l'Elba è il luogo ideale per gli amanti dell'immersione, del trekking e del ciclismo, con un'incredibile rete di percorsi dedicati.

Noleggia un gommone

ISOLA DEL GIGLIO

Seconda delle gemme per ordine di grandezza, l’isola del Giglio è rinomata per le sue bellezze naturali. Situata di fronte al monte Argentario è anzitutto un ecosistema di grande considerazione che offre agli amanti del mare incantevoli spiagge come quella maggiore del Campese, conosciuta per il colore tendente al rosso della sabbia, e altre più piccole ma nondimeno graziose come le spiagge dell’Arenella, delle Cannelle e delle Caldane, oltre ad alcune calette isolate di rara bellezza. Le acque intorno al Giglio vantano una trasparenza ineguagliabile, un vero e proprio paese delle meraviglie per gli amanti dello snorkeling dove, tra folte praterie di posidonia e pareti verticali ricoperte di spugne azzurre e gorgonie rosse, si può avvistare il cavalluccio marino. Qui fondali ricchi di vita e una costa straordinariamente varia fanno da sfondo a un territorio ancora in gran parte incontaminato. Sul territorio sono anche presenti dei percorsi pedonali dai quali si può godere di un panorama mozzafiato dell’arcipelago. Da non dimenticare poi l’approdo di Giglio porto, rinomato per le sue case multicolori, e il suggestivo borgo di Giglio castello con i caratteristici vicoli e i resti della fortezza pisana.

Noleggio gommoni

ISOLA DI CAPRAIA

Con la sua superficie di circa 19 km quadrati, Capraia è la terza isola dell’arcipelago toscano per grandezza. Il suo nome, in origine Capraria (dal latino), deve la sua comparizione dal lemma etrusco “capra” che significa “roccia”. L’etimologia, infatti, rispecchia appieno l’isola che è conosciuta come isola delle capre e da cenni storici sulla sua origine vulcanica (nata 9 milioni di anni fa da un vulcano sottomarino), sulla sua essenza aspra e rocciosa e i fenomeni di erosione che presentano le sue ripide coste. Il biosistema è variegato con oltre 650 specie vegetali, tra cui la Centaurea di Capraia. Le ricche acque capraiesi sono un tesoro per chi ama le immersioni; qui tra colonie di posidonia, margherite e spugne si possono osservare le grandi cernie o le ricciole oltre a fondali, dove sono sedimentati numerosi reperti archeologici sottomarini. Nei dintorni di Capraia sono frequenti gli avvistamenti di mammiferi marini come le balenottere azzurre, capodogli e delfini, oltre alla presenza della foca monaca. Per tutto questo, l’intera isola fa parte dell’area marina protetta più grande di Europa, ovvero il ”Santuario internazionale dei mammiferi marini Pelagos”. Il “miglio blu” di Capraia è un corridoio lungo circa un miglio nautico, riservato a balneazione e immersioni in sicurezza: nel percorso vige il divieto di navigazione, ancoraggio, ormeggio. Per quanto riguarda la storia, Capraia offre un patrimonio ricco, grazie alla presenza delle 4 chiese: Santo Stefano, Santa Maria Assunta, San Nicola e Sant’Antonio, alle quali si aggiunge il Forte di San Giorgio costruito dai genovesi nel XVI secolo.

Noleggio gommoni Piombino

ISOLA DI MONTECRISTO

Con la sua estensione di poco più di 10 km quadrati è la gemma più isolata e più inaccessibile, per questo la più ricca di leggende. Una di queste narra di quando, perseguitato da re Genserico, San Mamiliano trovò rifugio su una piccola isola dal nome Monte Giove, che , dopo il passaggio alla cristianità venne chiamata “Mons Christi”. Altre leggende parlano di uno straordinario tesoro che ispirò ad Alexandre Dumas il noto romanzo “Il Conte di Montecristo”. Sull’isola sono presenti pochi percorsi che consentono di raggiungere le cime delle due vette più alte, Monte Fortezza e Cima dei Lecci mentre l’unico punto accessibile via mare è Cala Maestra, un piccolo porto con un piccolo molo dal quale tramite un sentiero si arriva alla casa del guardiano, alla villa Reale e al piccolo museo. L’accesso al porto è vietato salvo situazioni di emergenza. L’intera isola è riserva naturale integrale dal 1971 e riserva naturale biogenetica dal1988, per questo a causa della scarsa presenza umana è stato favorito il prosperare di varie specie di flora e fauna un tempo diffuse in tutto l'arcipelago come ad esempio la capra selvatica, il gabbiano corso, il cervo imperiale e l’aquila reale. Al giorno d’oggi l’isola è quasi totalmente inaccessibile tranne per alcune visite guidate autorizzate dal corpo carabinieri forestale.

Noleggia un gommone a Piombino

ISOLA DI PIANOSA

L’isola di Pianosa è un piccolo territorio quasi totalmente pianeggiante, naturalmente protetto e indimenticabile immerso in un meraviglioso habitat naturale. Unisce tratti rocciosi e seducenti baie: la più famosa è Cala Giovanna, una lunga spiaggia di sabbia dorata situata molto vicina al vecchio porticciolo, su cui si affaccia la villa di Agrippa (nipote di Augusto che fu esiliato qui per volere di Livia, moglie dell’imperatore, che lo fece assassinare qualche anno dopo la morte del marito inviando un sicario). Nelle sue acque basse e cristalline è possibile godere della fauna marina presente nei fondali. Cala Giovanna inoltre è l’unica spiaggia dove è possibile la balneazione. Oggetto di mistero sono anche le catacombe cristiane di epoca romana , un intricato labirinto sotterraneo che si snoda nel sottosuolo di tutta l’isola. Nel 1861 venne qui costituita la colonia agricola penale che interesserà la storia dell’isola per i successivi 150 anni. Pianosa dall’unita d’italia fino al 1998 è stata la sede di un carcere di massima sicurezza ed era vietato avvicinarsi più di una certa distanza dalle acque della costa, proprio a questo si deve la bellezza dei vari ambienti dell’isola rimasti perlopiù intatti. Oggi l’isola è tutelata , facendo parte del parco nazionale dell’arcipelago toscano, tuttavia, sono possibili visite guidate organizzate con possibilità di balneazione, snorkeling e giri in carrozza con brevi soste per ammirare il panorama.

Noleggio gommoni Punta Ala

ISOLA DI GIANNUTRI

Da sempre considerata sacra ad Artemide-Diana per la sua forma a mezzaluna, Giannutri è un’isola speciale che emerge dalle acque del tirreno in tutta la sua armonia. Con le sue coste calcaree scolpite dal vento, le ripide scogliere e le grotte marine, il fascino della natura prende il sopravvento. I suoi ambienti marini prodighi di biodiversità ospitano anche delfini e balenottere azzurre e i segreti come antichi relitti posati sul fondale, sanno regalare emozioni uniche ad appassionati di immersioni. A chi preferisce camminare, invece, sono dedicati sentieri che attraversano l’intera isola inoltrandosi in fitte distese di macchia mediterranea per raggiungere lo splendido sito archeologico di Villa Domizia dove si possono osservare i resti di epoca romana della villa edificata dalla famiglia dei Domizi Enobarbi. Su Giannutri non ci sono strade, ci si muove unicamente a piedi. Proseguendo nel cammino si può raggiungere Monte Mario e Poggio di Capel Rosso, il punto più alto dell’isola dal quale si gode un panorama suggestivo. Ultime ma non meno importanti le piccole spiagge di ghiaia di cala Maestra e cala Spalmatoio che sono anche gli unici punti di approdo. Non ci sono stabilimenti balneari, qui la natura la fa da padrona.

Noleggia un gommone

ISOLA DI GORGONA

La più settentrionale nonchè la più piccola delle gemme del tirreno, anche Gorgona è foriera di meraviglie paesaggistiche. Il territorio montuoso culmina sul versante occidentale con Punta Gorgona ad una altezza circa 225 metri. La costa presenta varie baie e insenature tra le quali la Grotta del Bove Marino, un tempo rifugio delle foche monache, cala Scirocco, cala Maestra e cala Martina, mentre il centro principale dell’isola è il piccolo villaggio di Gorgona Scalo costituito dalle case dei pescatori e da una manciata di residenti che fa da contorno al piccolo porto di cala dello Scalo. Fin dal 1869 sull’isola è presente una colonia penale agricola e le visite sono sporadiche e regolamentate dall’Amministrazione penitenziaria in accordo con l’Ente Parco, uno dei principali motivi per cui Gorgona rimane in larga parte inviolata. Salendo verso l’interno si trovano due fortificazioni: la Torre Vecchia, pisana e la Torre Nuova, medicea. Degna di nota è anche la chiesa di San Gorgonio che fu ricostruita nel 1723 per sostituire l’antica chiesa distrutta nel XV secolo, accanto ad essa, i magazzini usati dai monaci per il trattamento e la conservazione delle acciughe sotto sale, risorsa primaria dell’isola fino al secolo scorso.

NATANTI OLTRE IL MARE

Promo Estate Light

Approfitta degli sconti di Luglio e Agosto sui Gommoni!

Noleggio gommoni Follonica